header i-Italy

#LOIACENONSIFERMA

Stato dell’arte della promozione della lingua e cultura italiana nel TriState area durante il Covid 19.

Le scuole pubbliche nel TriState area hanno ufficialmente chiuso le porte nella seconda settimana di marzo.  Lo IACE (Italian American Committee on Education), avendo monitorato da vicino l’evolversi dell’emergenza Covid in Italia, si è attivato tempestivamente per non interrompere mai il dialogo didattico con i propri docenti e allievi anticipando i tempi di elaborazione di linee guida a cura dei vari distretti scolastici. Ha infatti convertito da subito tutte le classi di lingua e cultura italiana in modalità di didattica a distanza su piattaforme digitali versatili e innovative.

Lo IACE - grazie agli ingenti contributi del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e al sostegno del Consolato Generale di New York - non ha lasciato indietro nessuno dei 58 mila studenti che studiano l’italiano nei corsi curricolari delle scuole affiliate allo IACE anche durante la pandemia. L’alto grado di cultura digitale diffusa negli USA ha certamente favorito un risultato cosi’ inaspettato e positivo. L’entusiasmo e la creatività dei docenti in tempi di crisi ha poi fatto emergere idee e soluzioni innovative per la didattica che verranno utilizzate anche quando sarà possible ritornare alla modalità in presenza aprendo nuovi orizzonti e fertili scenari per il futuro dell’insegnamento dell’italiano.

Nei corsi extracurriculari online per adulti-organizzati in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura - si è registrato un grandissimo successo di adesioni. Per molti dei nostri studenti adulti - che sono confinati e soli in casa da quasi tre mesi - le classi di italiano rappresentano non solo un’occasione di approfondimento linguistico e culturale ma soprattutto un momento importante di socializzazione e di evasione dalla realtà esterna. Una nostra studentessa ringraziandoci di cuore ci ha scritto “le lezioni online di italiano mi stanno salvando la vita nell’affrontare l’isolamento e la solitudine della quarantena a New York”.  

Proprio a questo scopo lo IACE - per mantenere unita e coesa la vasta comunità o meglio la ‘famiglia IACE’ - ha programmato una serie di incontri settimanali i ‘Social Fridays’ o ‘Salotti italiani’ in spazi virtuali dove gli studenti adulti possono conversare con esperti di varie discipline su argomenti culturali diversi (arte, cinema, gastronomia, musica, opera lirica etc). Di grande successo anche il cineclub ‘Movies under the roof’ una rassegna dedicata interamente a film italiani con una serie  ‘watch parties’ in diretta Zoom guidati da esperti di cinema italiano attraverso i quali gli studenti italofili  hanno l’opportunità  di  imparare la lingua attraverso i film più significativi della Commedia dell’Arte.  Tali iniziative stanno riscuotendo un grandissimo successo di partecipazione e ottimi feedback. Uno studente, entusiasta della programmazione online dello IACE, ha infatti commentato: “la vita senza l’italiano è come uno spumante senza bollicine”. 

Tra gli eventi culturali proposti in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura è  stata di altissimo gradimento la conversazione tra la famosa scrittrice e ambasciatrice della lingua e cultura italiana Dianne Hales e la Vice Presidente dello IACE e giornalista Maria Teresa Cometto. Alla fine della diretta Facebook a seguito della accattivante presentazione dell’ultimo libro ‘A is for Amore’  molti partecipanti hanno espresso il vivo desiderio di tornare in Italia quanto prima per poter ‘assaporare’  nuovamente i sapori e le bellezze italiane. Tra questi anche i giovanissimi studenti provenienti da tre licei assisiti dallo IACE - Fiorello La Guardia HS, Palisades Park HS e Norwalk HS- che hanno posto domande molto stimolanti all’autrice sul suo rapporto speciale con l’Italia. Anche la rassegna ‘Movies under the roof’ di film italiani con una serie  “watch parties” in diretta Zoom con esperti di cinema italiano stanno riscuotendo grande successo tra il pubblico di studenti che hanno l’opportunità  di  imparare le lingua attraverso i film più significativi della Commedia dell’Arte italiana.

Per i più piccoli dei corsi curricolari lo IACE-in collaborazione con il Consolato Generale d’Italia a New York - ha continuato a offrire sulla piattaforma Zoom degli eventi che erano previsti in presenza con personalità rappresentative dell’eccellenza italiana.

Per la gastronomia lo IACE ha indetto un concorso di ‘ricette della quarantena’  che i giovani studenti della scuola elementare Our Lady of Lourdes hanno presentato a Lidia Bastianich. La famosa chef ha letto e commentato un suo libro di ricette e ha accettato con piacere l’invito degli studenti ad assaggiare le specialità preparate direttamente dai bimbi una volta che le scuole riapriranno. 

Insieme ai genitori hanno inoltre imparato a fare la pizza ‘con le mani in pasta’ grazie alle precise istruzioni in diretta date in italiano Luca Arrigoni - proprietario della pizzeria di New York Sottocasa.

Per i figli bilingue delle famiglie della nuova mobilità italiana a New York lo IACE ha inoltre organizzato una serie di incontri virtuali con la Fata Italiana (Simona Rodano) che con il suo Edumusical - ricco di canzoni e musica italiana - ha accattivato ed emozionato grandi e piccini. 

I piccoli hanno poi avuto l’onore di ascoltare delle fiabe classiche delle letteratura italiana lette e musicate dalla pianista e compositrice Cristiana Pegoraro. Per l’estate è  stata lanciato la serie “Connecting Collections” di tour virtuali per studenti k-12 delle collezioni Italiane presenti nei più grandi musei di New York City (Guggheneim, MoMA, Frick Collection e Metropolitan Museum) messe a confronto con le collezioni dei grandi musei Italiani ( Musei Vaticani e Uffizi).

Tali iniziative sono state possibili grazie alla dedizione e all’ impegno dei docenti e dei componenti del CdA che sono stati estremamente ricettivi e si sono brillantemente adeguati alle nuove modalità della didattica a distanza. Gli obiettivi dell’apprendimento sono rimasti identici ma ovviamente gli strumenti sono cambiati. A tale scopo lo IACE ha organizzato una serie di corsi online di formazione per insegnanti tenuti da enti specializzati nella didattica a distanza quali ICoN - Italian Culture on the Net - Consorzio Universitario formato da prestigiose università italiane specializzato nella didattica a distanza dagli anni ‘90. Con l’ente formatore Studio Arcobaleno circa 500 docenti sono stati inoltre trasportati virtualmente nelle varie regioni di Italia attraverso dei viaggi didattico-culturali in formato virtuale che gli insegnanti hanno potuto utilizzare come efficace strumento didattico con i loro studenti nelle aule virtuali.

Lo IACE in tal modo diventa un attore attivo della ripresa del brand Made in Italy  all’estero poiché  mai come in questo momento l’Italia ha avuto bisogno di contare sull’insegnamento della nostra lingua e della nostra cultura, come traino all’italianizzazione dei gusti del mercato americano e delle esportazioni verso gli USA, che sono il secondo maggiore partner commerciale dell’Italia.

 L’obiettivo dell’ Ente - avendo ormai abbattuto i confini fisici delle aule e raggiunto il primato mondiale nel 2020- è quello di superare100 mila studenti di italiano negli Stati di New York, New Jersey e Connecticut!

 

Maggiori informazioni >

 

Comments

i-Italy

Facebook

Google+

Select one to show comments and join the conversation