header i-Italy

You chose: unesco

  • Ivrea, Ponte Vecchio
    The city identified with Olivetti, the manufacturer of office machines since it was founded in 1896, is Italy's 54th to be accorded World Heritage status by UNESCO. For Adriano Olivetti, factory owners were to respect the workers' whole life, and not only the assembly line
  • Master Class on Pizza Making at Song'e Napule Pizzeria with Master Pizzaiolo Ciro Iovine
    The organization Dress in Dreams Movie & Costume brought an exciting celebration dedicated to the art of pizza making blended with the art of cinema to some of the finest, authentic Neapolitan pizzerias in the city, such as Ribalta Pizzeria and Song’e Napule. These events were made possible with the support of MiBACT - Direzione Cinema and in collaboration with AVPN - Associazione Verace Pizza Napoletana.
  • "Tu Vuò fà il Napoletano – Facce da Pizza", lands in New York City to celebrate the art of neapolitan pizzaiuoli as UNESCO’s Intangible Cultural Heritage of Humanity. Organized by Dress in Dreams Movie & Costume, under the auspices and with the support of MiBACT - Direzione Cinema, the three days event, April 16th-17th-19th, will take place at Ribalta Pizzeria, NYU Casa Italiana Zerilli-Marimò and Song’e Napule Pizzeria.
  • The Cathedral of Syracuse
    There are so many ways to explore Sicily. This time we chose to highlight the southwestern side of the Island and its baroque treasures. Baroque Sicily has a particular charm, one that epitomizes Mediterranean aesthetics.
  • Parla il proprietario della famosa pizzeria di New York, Ribalta. L'arte del pizzaiuolo napoletano è patrimonio culturale dell'Umanità. Il iconoscimento dell'Unesco è alla cultura di una città millenaria, come Napoli che trova la sua massima espressione proprio li, su un bancone di una pizzeria. E questa volta Napoli, l'Italia hanno fatto squadra per raggiungere il risultato. Pizzaioli, Produttori della filiera, Associazioni, Agricoltori, Giornalisti, persino i politici, tutti uniti fino alla vittoria.
  • Il cibo più povero di Napoli è diventato patrimonio immateriale dell’Umanità riconosciuto dall’Unesco. Anzi, per la precisione, l’arte di prepararlo e di cuocerlo, l’Arte del Pizzaiolo Napoletano. Può sembrare un sofisma ma in realtà è una differenza sostanziale perché il successo di Seul non ha un riflesso concreto, pratico, sull’attività delle pizzerie, non è un marchio di certificazione, per essere chiari. Ha lo stesso valore di tutela di un monumento, di un centro storico, di un paesaggio, di una comunità. E la responsabilità di questa tutela è degli Stati nazionali, l’Italia tocca quota 54 da ieri, che devono appunto preservare questo bene per le generazioni future.
  • Lo scugnizzo è il simbolo delle nuove generazioni di pizzaioli. Quelle che adesso dovranno difendere e mantenere il riconoscimento ottenuto all’Onu. C’è un momento in cui l’arte del pizzaiolo napoletano ha iniziato il suo percorso verso il riconoscimento come patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco? Lo scugnizzo è il simbolo delle nuove generazioni di pizzaioli. Quelle che adesso dovranno difendere e mantenere il riconoscimento ottenuto all’Onu.Quando è stato ideato il primo forno a bocca di luna per avere una cottura più rapida e violenta? Oppure è stato il salto di qualità delle farine studiate vent’anni fa dal Mulino Caputo che hanno reso possibile stendere il panetto oltre ogni immaginazione prima che si rompesse? O forse quando si riunirono i fondatori dell’attuale Associazione Verace Pizza Napoletana per fissar ele regole che avrebbero portato al riconoscimento del marchio europeo Stg?
  • Following an intensive candidacy period in 2014, Matera, Basilicata has been chosen as the 2019 European Cultural Capital. In order to prepare the city for the events of 2019, the Italian government has destined 400 million for the development and improvement of all aspects of the city.

Pages