header i-Italy

Articles by: Letizia Airos

  • Life & People

    A Piazza for the People in Little Italy

    “The people,” meaning those who are similar to and different from us, are the focus of this corner in Manhattan. During the feast of San Gennaro,  near the Basilica of St. Patrick’s Old Cathedral will be designated “Via del Popolo,” or “Way of the People.”

    Thanks to a project organized by parish priest Msgr. Donald Sakano, in collaboration with NYU’s Tisch School of the Arts, Aurora Vitrum Design, The New Museum, and the Two Bridges Neighborhood Council, the Basilica of St. Patrick’s Old Cathedral becomes the center of the sacred and the religious, a common reflection, an impression that refers back to ourselves and those around us.

    “You shall love your neighbor as yourself,” is one of Moses’s commandments. The commandment best informs this project which embodies the intensity for and commitment to a project born to serve the community and visitors.

    Until September 23, there will be no advertising posters affixed to the walls surrounding the basilica; beautiful and captivating photographs have been installed in their place.  

    Huge photographs of people, men, women, girls, boys, young, elderly, whites, blacks... People of different ethnicities, backgrounds, very different from each other, but united in their history, in their humanity.

    The photos, which seem to elicit the most surprises, could also be mistaken for advertisements, but this time no products are promoted. The viewer’s attention is on the subjects who are ordinary people like us.

    Life-size bodies seem to become animated and interact with the viewer, and often visitors photograph them or pose next to them. It’s entertaining to watch them assume different positions: friendly, affectionate, often playful. I myself could not resist this strange interaction with the photographs.

    There is a sense that we have always known the people represented in the photos. You discover a subjective dimension where you see yourself reflected in a stranger’s portrait. “Self as the other,” you could say.

    The photographer who curated this exhibit, Alex Arbuckle, deftly succeeded in bringing to the walls surrounding the basilica – through an authentic process of recognition – the pride of the history, intended as history, specifically personal history. His portraits of everyday people tell the story of the basilica today, outside of and inside itself.

    One is reminded of a quote from John Paul II: “The more human beings understand reality and the world, the more they understand themselves in their own uniqueness.”

    Surrounded by young members of different ethnic groups in his parish, from the start Msgr. Sakano made clear what he wanted even if the scope of the project seemed difficult to comprehend.

    He had a seemingly simple notion with complex implications. He wanted a way to bring the concept of an open street or piazza to the people, for the people. It would be a return to the feast’s origins, its roots, a renewal of traditions past and present.

    “We wanted,” Msgr. Sakano told me, “to emphasize a positive relationship with the community surrounding the church using the physical structure of the church itself. The street, the walls, the surrounding buildings. The aim was to bring ethnic culture, art, and spirituality into play, but also the small scale entrepreneurship in the neighborhood.”

    The project was a collaborative effort with students from Tisch School of the Arts was essential. It also gained the support of the Two Bridges Neighborhood Council represented by Victor Papa, who on the day of the opening, perhaps more than anyone else, allowed his emotion to show through after seeing the project materialize.

    And so the concept of a piazza, a common meeting place, was born. It’s an area closed to traffic where people can come together, get to know the people in the photos and each other. The world renowned actor Alec Baldwin was also heavily involved in the project. He wanted to include his own image of New York City through this initiative. Present at the opening of the exhibit along with Msgr. Sakano, Baldwin followed along by walking the entire periphery of the church marked by photographs and commenting on some of the people represented. Needless to say, Baldwin attracted a lot of attention from the public.

    Baldwin, a friendly and engaging presence in the neighborhood, told me that he immediately wanted to support the project as soon as he realized that it coincided with the date of his wedding, which he celebrated last June right there in St. Patrick’s Old Cathedral.

    The actor, among the other actors in Woody Allen’s latest film To Rome with Love, is very familiar with Italy and emphasized how this project is also important for New York City from an architectural point of view. He noted the European flavor of the city and urged the need to promote a lifestyle that is more humane and community-oriented within the larger city.

    Msgr. Sakano, a Japanese-American priest, carries out the church’s mission within a very specific context. His church serves different and varied communities that are increasingly complementary. The old Italian-American Little Italy that is ever fading and giving way to a more stereotypical than accurate representation, the presence of a Chinese community that is more integrated into the cultural fabric of the city, and nearby Soho that has expanded and literally taken over traditional Italian-Americans spaces.

    In the piazza nestled between Mulberry Street between Houston and Prince, with the area closed to traffic visitors can stop, listen to music, and also peruse books presented by IAWA (the Italian American Writers Association) led by its president Professor Robert Viscusi.

    The current feast of San Gennaro in Little Italy with its growing commercial influence bears little resemblance to the traditional feast celebrated years ago. The Piazza del Popolo initiative, even with its secular implications, attempts to bring the feast back to its origins.

    When Little Italy was one big piazza, it often saw the intermingling of people who were very different from one another. An array of immigrant individuals and families attempted to reproduce in this faraway place the lives they led elsewhere. These are men and women who gave their story to a city, who contributed to New York City the most beautiful aspect it has to offer: diversity. It is a great asset that unfortunately today’s world still finds it difficult to appreciate, despite the perpetual cycles of migration, movement, and influence.

    Msgr. Sakano recounted some of the difficulties he’s had in explaining his project, especially to Americans “who don’t understand the concept of a piazza.”

    He has succeeded in making the project a reality, and instead of just imagining it you can see it for yourself. It’s located on the two streets at the corner of his parish, and it seems like a miracle – a small miracle from San Gennaro.

    ----
    Translated by Giulia Prestia

    More pics of  Via del Popolo on Facebook Italy Page >>>Want ot know more? Read i-Italy Special Issue: "Via del Popolo in Mulberry"

    ITALIAN VERSION >>>
     

  • Arte e Cultura

    Una piazza per il Popolo a Little Italy

    “Il Popolo” - intendendo come tale noi stessi e tutti coloro che sono come noi e diversi da noi – è protagonista di un angolo di Manhattan a ridosso di una sua basilica.  A Little Italy ci sarà,  per qualche giorno,  un luogo chiamato  “Via del Popolo”.

    La chiesa di St. Patrick’ s Old Cathedral, grazie ad un progetto del suo parroco mons. Donald Sakano - in collaborazione con la Tisch School of the Arts della NYU, Aurora Vitrum Design, The New Museum e Two Bridges Neighborhood Council - diventa il centro,  religioso e laico al tempo stesso, di una riflessione comune, di un pensiero riferito a se stessi come agli altri che abbiamo intorno.

    “Amerai il prossimo tuo come te stesso…”, tra i comandamenti della tavola di Mosè questo è quello che più vicino a  questo progetto che ha tutta l’intensità e l'amore di un lavoro di squadra portato avanti per se e per gli altri.

    Lungo il muro che circonda la Chiesa affissi non ci sono in questi giorni manifesti pubbilcitari, ma delle bellissime ed intense foto.

    Enormi foto di persone, uomini, donne, bambine, bambini, giovani, vecchi, bianchi, neri…  Persone di varie etnie, provenienze, diversissime fra di loro, ma accomuntate dalla verità dello loro storia, di persone appunto.

    Tecnicamente le foto, che sono l'attrazione che soprende di più di via del Popolo, potrebbero anche sembrare commerciali, ma questa volta non si promuovono prodotti, all'attenzione ci sono le persone. Persone come tutti noi.

    Life-size questi corpi sembrano animati ed interagire con la gente che li guarda e che spesso li fotografa o si fotografa affianco. E'
    divertente guardarli mentre assumono posizioni di diverso tipo:  amichevoli, affettuose, spesso scherzose.  Io stessa non ho potuto resistere in questa strana interazione fotografica.

    Si scopre, grazie a queste persone rappresentate che ci sembra di conoscere da sempre, un’intersoggettività interna alla propia  dimensione soggettiva. “Sé come l’altro” si potrebbe dire. 

    Nonostante il soggetto nelle rappresentazioni sia primario, l’altro si deriva per analogia.

    Il fotografo  curatore di tutto ciò, Alex Arbuckle,  è felicemente riuscito a portare sulle mura che circondano la Chiesa - attraverso un vero e proprio iter di riconoscimento - l’orgoglio della storia , intendendo come storia, storia personale.  I suoi ritratti di tutti i giorni raccontano l’esistenza della Chiesa di oggi, fuori di stessa  e dentro.

    Viene in mente una frase di Giovanni Paolo II: "Più l'uomo conosce la realtà e il mondo e più conosce se stesso nella sua unicità".

    Monsignor Sakano, circondato dai  giovani appartententi a diverse etnie della sua parrocchia, ha avuto fin dall’inzio, quando il progetto sembrava piuttosto difficile, chiaro cosa volevesse realizzare.

    Un’intuizione apparentemente semplice la sua, ma con dei risvolti complessi. Voleva una via del popolo che portasse il concetto di una strada/piazza per la gente. Un ritorno alle origini, radici, un rinnovo di tradizioni tra passato e presente.

    “Volevamo” mi ha detto mons. Sakano “mettere l’accento su di un rapporto positivo con la comunità che circonda la Chiesa utilizzando la struttura fisica della Chiesa stessa. La strada, le mura, gli edifici circostanti. Lo scopo era quello di mettere in gioco l’etnia, l’arte, la spiritualità ma anche l’imprenditorialità semplice del vicinato”.

    La collaborazione con i giovani della Tisch School è stata fondamentale, come l’appoggio della associazione Two Bridges Neighborhood Council rappresentanta da Victor Papa che il giorno dell’inagurazione  ha lasciato, forse più di ogni altro, trapelare l’emozione nel vedere concretizzarsi il progetto. 

    E' nata una piazza, un luogo chiuso al traffico,  dove ci si incontra, si incontrano le persone nelle foto ed i propri amici

    Ed un testimone eccellente del mondo del cinema ha voluto mettere la sua immagine per comunicare alla città di New York questa inziativa,  Si tratta di un attore che è anche di uno studente eccellente di NYU, Alec Baldwin.
     

    Presente alla presentazione al pubblico, insieme a Mons. Sakano, ha seguito camminando tutta la traiettoria idealmente indicata dalla fotografie e commentato con alcune delle persone rappresentate.

    Inutile dire che Baldwin ha concentrato e attirato su di se molte delle attenzioni della gente.

    L’attore, affabile e divertente con tutto il vicinato, mi ha detto di aver voluto subito appoggiare il progetto non appena ne è venuto a conoscenza in occasione del suo matrimonio. celebrato lo scorso giugno, proprio lì a St. Patrick’ s Old Cathedral. 

    L’attore - fra l’altro anche tra i protagonisti dell’ultimo film di Woody Allen To Rome with Love - conosce molto bene l’Italia e ha posto l’accento su come questo progetto sia importante anche dal punto di vista architettonico per New York. Di come sia intimamente europeo e della necessità di promuovere un stile di vita pìù umano e comunitario all’interno della città.

    Monsignor Sakano, prete nippo-americano, svolge la sua missione in un contesto molto particolare.

    La sua Chiesa è a ridosso di diverse realtà, ma sempre più complementari fra di loro. 

    La vecchia Little Italy italo-americana che tende sempre di più scomparire o a dare di se un’immagine più stereotipata che vera, la realtà di una comunità cinese sempre di più inserita nel tessuto culturale della Città, la vicina Soho che ormai si è letteralmente mangiata i tradizionali spazi italo-americani.

    Nella piazza ideale che è nata tra Mulberry Street tra Houston and Prince, in questo spazio chiuso al traffico per l’iniziativa, ecco la gente fermarsi, ascoltare musica e trovarsi anche a consultare  i libri presentati in questi giorni dall’AIWA,  Italian American Writers Association guidati dal suo presidente Professor Robert Viscusi.

    Affianco alla tradizionale, e sotto diversi aspetti sempre più commericale festa di San Gennaro a Little Italy, l’iniziativa di Piazza del Popolo con i suoi risvolti anche laici riporta il terroritorio alla sue origini.

    Quando Little Italy era una Piazza e vedeva l’incontro delle vite delle persone spesso molto diverse tra di loro.  Persone,  prima di tutto persone e famiglie, che spesso riproducevano in posti diversi e lontani la vita che avevano altrove.  Si tratta di uomini e donne che hanno dato la loro storia ad una città, che hanno contribuito a costruire New York in quanto di più bello ha: la diversità. Un grande valore che questo mondo contemporaneo (in questo momento soprattutto europeo) stenta ancora a riconoscere, nonostate nuovi ed intensi processi migratori.

    Monsignor Sakano, ha raccontato di aver avuto difficoltà negli scorsi mesi a spiegare, soprattutto agli americani “che non sanno cosa sia una piazza”,  cosa era il suo progetto. 

    Ora è riuscito a realizzarlo e lo si può vedere, non solo immaginare, tra due strade all’angolo della sua parrocchia e sembra un miracolo. Un piccolo miracolo di San Gennaro.

    ----
    Altre foto di Via del Popolo a Little Italy su Facebook >>>

  • Life & People

    The Timeless Style of Anna Sammarone

    There are Italian treasures that can never be paralleled in terms of simplicity, creativity, combining both tradition and innovation. There are those objects—from design to fashion and beyond—that have an unmistakable quality. At times they are part of a niche, other times not. Distinctive, always timeless, they are not passing trends. Some people use them—perhaps every day—unaware that these objects are on display in museums worldwide. This creativity is an asset that we Italians should appreciate, especially in times of crisis.

     But there’s more to this attribute of Italian genius; it often hides ordinary stories, those of small entrepreneurs, fashion designers, artisans, creative enterprises, both on cooperative and individual levels.

    It so happens that in a suite at The Setai, an imposing skyscraper on Fifth Avenue, I meet one of these artists. She hails from Larino, a small town in Molise. Her story, both big and small, is emblematic.

    Anna Sammarone. Thirty years old with an intense gaze that always seems to be searching for details. It examines and explores. Gentle, but firm at the same time. You can tell by her manner, even before seeing her designs, that her sensibility is completely modern: carefree and whimsical yet measured.

    Entering her apartment at The Setai—one she rented to sell her designs—a quick look at her clothes makes me realize that they are truly unique. Beautiful, simple. Ageless. Colorful.

    For years I played among scraps of cloth and spools of thread. I immediately recognize the details of a garment made by expert hands and I am taken in. It is important to remember that when someone has an affinity for an object, he or she is also responding to emotions, sensations.

    The noise of sewing machines comes to mind, the sun filtering through the blinds in a courtyard in the south near the seaside, fingers that guide a needle, sketches of new creations, tailor’s chalk, tissue paper patterns.

    Anna’s story is an important one from the south, of an Italy that is real and alive, young, and still unknown in the world. And the credit for introducing her to me goes to her friend, Marisa Falcone, who is a manager in the U.S. “She’s a niche designer,” she tells me in advance, “a crazy entrepreneur. I decided to give her a hand and I’m thinking of doing that for other people like her. We need them.”

    Between sips of coffee and advice to customers who try on her clothes, Anna tells me her story. She was born and raised in a well-off family in Molise. After high school, she decided to study law: she wanted to become an honest judge with integrity. This is in spite of the bewilderment of her father, who saw her as an artist. And so after graduation and her first few days in court, Anna realized that she on the wrong path. She experienced an overwhelming sense of oppression: she needed to make a change. Dad was right.

    So she decided to make blouses, a childhood passion. Aided by her friends, she started a business. She opened her first shop in Molise. From there her ascent begins: trade shows, Rome, Milan, the rest of Italy. This is thanks, in part, to several interactions that have benefited her sunny disposition.

    “Larino is a fantastic place, everything is small, attainable. The tailors are nearby and the people are all special. They believed in me. They gave their hearts. Without them I could not have done anything. But the same thing happened in Milan, where my shop is on Via Monteleone….”

    The colors and details of an industrious South permeate Anna’s story. There are certainly difficulties for a small business owner, but at the same time her dedication and desire to succeed are paramount. She focuses on quality, the area where she’s from, expert tailoring, pure fabrics and colors. Finally, but most important, she employs a team of women, all from of Molise.

    The search for details and refined combinations, original designs that go beyond passing trends, vitality, even a bit of irony—these are some of the features of her clothing. And then there are the fabrics, soft, precious, and sought after. The joy of creation shines through every inch of her garments.

    She’s a self-taught designer. “I’ve never designed a proper sketch. Just one design, sitting down at a desk. Inspiration always comes suddenly, perhaps during a trip, in a café, or on a plane. I sketch wherever, even on paper napkins. I follow my feelings, and you can see, from the first collection up until now, it’s authentic. There is joy but also suffering; new experiences have made me grow.”

    She’s a woman who understands other women. It’s apparent in how she treats her New York clients. She advises them but without being intrusive; she adapts her clothes to fit their bodies. Her clothes are worn without canceling out one’s personality with unnecessary excesses or forced appearances. They are all extremely wearable.

    The garments are hung up, almost waiting to be taken off the hanger and given a soul.

    “I want the product to speak for itself; its vitality must come out—it should be enough to just try it on,” Anna tells me. And here her voice confirms an intention that I had noticed, making her creations truly unique and timeless.

    “I try to design clothes that are very wearable. For me, certainly, the details are fundamental, but the design must take the form, the history of the wearer. It’s important that the wearer interprets it as she pleases. You should be able to wear it for two, three years. My clients are still wearing clothing from different collections and they do so on important occasions.” Her words reflect an appreciation for value that goes beyond today’s consumerism and that dates back to an older Italy, poorer perhaps, but healthier and saner than today. An outfit was valuable, it was treasured, and it often remained in the family.

    “And then if a garment must be altered,” Anna adds, “I don’t take it as an offense. Shortening a neckline, making it longer. It’s great. I can adapt.”

    She then describes a typical day of work: “I wake up and have coffee at my favorite café. I get to my office and I do everything. I mainly supervise the production, and wearing four-inch heels I load bolts of fabric into my Fiat 500 with a mouse on the antenna and go to the tailors. I encourage them, motivate them, discuss their choices.”

    The designer from Molise now aims to bring her work to the United States. She’s taking small steps, but her clothes are gaining recognition with women in New York. She’s been presenting her work here since 2009 and her clientele continues to grow.

    Word of mouth works. “I’m very happy. The goal is to create a trusted and serious brand. I walk the path. I’m aware that I have a niche product; I want to follow that with all of my might. There are no filters here. They judge you without bias. They evaluate the product. Yesterday, a store representative tried on one of my coats and said, ‘Bless you.’”

    In September she will participate in the American shows and present her winter collection. And New York awaits this young designer and entrepreneur who, with her feet planted firmly on the ground, expands her inimitable creations.

    Website di Anna Sammarone >>>

  • Arte e Cultura

    Gli abiti senza tempo di Anna Sammarone

    Ci sono dei tesori italiani che nessuno potrà mai eguagliare per la loro semplicità. Per la creatività con cui sono stati concepiti, coniugando tradizione e presente. Grazie ad una genialità senza contaminazioni che li ha pensati e, in un certo senso, reso eterni. Sono quegli oggetti - dal design alla moda – che hanno una linea essenziale, pura ed inconfondibile.

    A volte sono prodotti di nicchia, a volte nò. Unici al mondo, sempre attuali, non subiscono l’usura di trend passeggeri. Molti li usiamo anche tutti i giorni, altri – o magari gli stessi - sono addirittura esposti in musei internazionali.

    E’ una ricchezza questa tipo di creatività, di cui noi italiani dovremmo essere più consapevoli, soprattutto in momenti di crisi come questo.
     

    Ma c’è di più, dietro questa eccellenza tutta italiana spesso si celano storie semplici, quelle di piccoli imprenditori, minuscole sartorie, botteghe artigianali, fabbriche creative, piccole aziende spesso al femminile, cooperative o, semplicemente, singole persone.
     

    E, capita che, in una suite del Setaj, imponente albergo sulla 5 Avenue di Manhattan, incontro una di queste persone. Viene da Larino, un paesino del Molise. La sua piccola e grande storia è emblematica.
     

    Trentenne. Ha uno sguardo intenso, Anna Sammarone.  Sembra sempre in cerca di dettagli.  Scruta ed esplora. Dolce, ma determinata al tempo stesso.
     

    Si intravede già dai suoi modi, prima che con i suoi abiti, uno stile basato su di un bon ton completamente riaggiornato: spensierato, fantasioso ma  anche misurato.

    Appena entrata nell' appartamento da lei affittato nel Setaj - per la vendita degli abiti – un veloce sguardo ai capi mi fa subito capire che si tratta di vestiti unici. Belli, semplici. Senza età. Coloratissimi.
     

    Ho giocato per anni tra scampoli di stoffa e rollini di filo di mia nonna, anche lei sarta.  Riconosco i dettagli di un capo realizzato da mani esperte e ne rimango subito affascinata. Le sensazioni, suggestioni, che proviamo quando pensiamo di acquistare un oggetto sono importanti. Gli abiti di Anna, hanno anche questo valore aggiunto. Puntano a suscitare emozioni trasmettendo sentimenti di un territorio e della sua gente.
     

    A me sono venuti in mente il rumore della macchina da cucire, il sole che filtra attraverso le persiane in un cortile del sud vicino al mare, dita che infilano un ago, schizzi di nuove creazioni, gessetti, ditali, veline di modelli, l'odore di taralli appena cotti pronti per una pausa.
     

    Quella di Anna è un’altra storia del sud, di un’Italia vera e viva, giovane ma che non dimentica il passato. Questa Italia è ancora troppo poco nota al mondo. Ed il merito di avermi fatto incontrare questa impreditrice della moda è di una sua amica: Marisa Falcone che le fa da manager nel territorio americano. “E’ una stilista di nicchia – mi aveva anticipato - una lavoratrice pazzesca, ho deciso di darle una mano e sto pensando di farlo anche per altre persone come lei. Ne abbiamo bisogno”.
     

    Tra un sorso di caffè e consigli alle clienti che si provano gli abiti, Anna mi racconta la sua storia. Nasce e cresce nel Molise in una famiglia benestante. Dopo il liceo decide di studiare giurisprudenza: vuole diventare un giudice incorruttibile. Questo nonostante lo sconcerto del padre che la vede prima di tutto artista. E’ dopo la laurea, e la prima esperienza in tribunale, che Anna capisce di aver sbagliato percorso. Prova un senso di oppressione: deve cambiare. Aveva ragione il papà.
     

    Così decide di produrre comicette, una sua passione dall’infanzia. Aiutata dalle amiche comincia una nuova attività. Apre il suo primo showroom nel molisano. Da qui inizia la sua ascesa: fiere di settore, Roma, Milano, il resto dell’Italia. Questo grazie anche a diverse sinergie che beneficiano anche del suo carattere solare.

    “Larino è un posto fantastico, tutto è piccolo, raggiungibile. Le sartorie sono vicine e le persone sono tutte speciali. Hanno creduto in me. Ci mettono tutto il loro cuore. Senza di loro non avrei potuto far niente. Ma è successo lo stesso a Milano, dove vendo gli abiti a via Monteleone…”
     

    Nel racconto di Anna i colori ed i particolari di un Sud laborioso. Certo le difficoltà di una piccola impreditrice, ma al tempo stesso la testardaggine ed il desiderio di farcela. Punta sulla qualità, il territorio di provenienza con tagli sartoriali, tessuti puri, colori veri, suggestioni. Poi, ma è importantissimo, ha una squadra di donne, tutte molisane.
     

    La ricerca dei dettagli e di raffinati accostamenti, originali, fuori da trend passeggeri, vitalità, anche un pò di ironia, queste sono alcune delle caratteristiche dei suoi vestiti. E poi stoffe morbide, preziose e ricercate. In ogni centimetro traspare tutta l’allegria della sua creazione.

    E’ una stilista autodidatta. “Non ho mai disegnato un bozzetto, un solo capo, stando seduta ad una scrivania. L'ispirazione mi viene sempre all'improvviso, magari durante un viaggio, in un bar o in aereo. Capita che faccio schizzi ovunque, anche su tovaglioni di carta. Seguo i miei sentimenti e si può notare, dalle prime collezioni ad oggi, un vero cammino. Sono le gioie, ma anche le sofferenze, le mie nuove esperienze che mi hanno fatto crescere.”
     

    E’ una donna che conosce le altre donne. Lo vedo da come tratta con le clienti newyorkesi. Le consiglia, ma senza essere invadente, adatta i suoi abiti al loro corpo. I suoi capi vanno indossati senza annullare la personalità con inutili eccessi o forzature estetiche. Sono tutti portabilissimi.  Sono lì appesi negli stand e la sensazione è che siano in attesa di prendere e dare un’anima a chi li indossi.
     

    “Voglio che il prodotto parli da solo, la sua vitalità deve venire fuori senza di me, basta aprirlo” mi dice Anna. Ed ecco dalla sua voce la conferma di un’intenzione che avevo intuito, che rende veramente unici ed intramontabili le sue creazioni.
     

    “Cerco di disegnare capi estremamente vestibili. Certo per me sono fondamentali i particolari, ma il capo deve prendere la forma, la storia di chi lo indossa. E’ importante che ognuno lo interpreti come preferisce. Deve poterlo indossare anche tra uno due tre anni. Le mie clienti vestono ancora abiti di diverse collezioni fa e lo fanno in occasioni importanti”.  "Se poi c’è da fare un accorgimento ad un abito – aggiunge Anna - non credo sia un offesa per me. Chiudere una scollatura, allungarlo. E’ fantastico. Io mi adatto”.  C’è nelle sue parole  anche l'aspirazione percezione a creare un valore che superi il consumismo, legata maga al ricordo – che molti anziani hanno - di un’Italia meno ricca, ma forse più sana di oggi. Un vestito rimaneva, si usava nel tempo e si passava anche tra familiari.

    Ed ecco il racconto di una sua giornata di lavoro a Larino, quando non è in giro per l’Italia: “Mi sveglio, vado a bermi un caffè nel mio bar preferito, arrivo in ufficio e faccio di tutto. Seguo soprattutto la produzione, sui miei immancabili tacchi 12 cm, carico rotoloni di stoffa nella Fiat 500 con il topolino sull’antenna. Vado nelle sartorie. Li incoraggio, motivo, condivido le scelte con i miei collaboratori”.
     

    La stilista molisana, oggi punta a far conoscere il suo lavoro negli Stati Uniti. Lo fa a piccoli passi, ma i suoi vestiti cominiciano già con l’essere indossati da diverse donne newyorkesi. E’ dal 2009 che li porta a New York ed le clienti crescono sempre di più.
     

    Il passa parola funziona. “Sono molto contenta, l’obiettivo è quello di costrure un marchio affidabile e serio. Percorro la strada. Sono consapevole che il mio è un prodotto di nicchia e voglio seguirlo con le mie forze”. “Qui non ci sono filtri, ti giudicano senza pregiudizi. Valutano il prodotto. Ieri un rappresentante di un negozio ha aperto un mio cappotto e ha detto: Bless You! “
     

    A settembre parteciperà a delle fiere americane e porterà di nuovo i capi invernali. E New York aspetta questa giovane stilista imprenditrice che, con i piedi saldamente per terra, diffonde le sue creazioni uniche e senza tempo. Piccole opere di genialità, tesori tutti italiani.

    Website di Anna Sammarone >>>

  • Fatti e Storie

    Volete conoscere le delizie abruzzesi? Andate dove va Rosanna

    ENGLISH VERSION

    Rosanna torna. E questa volta l’aspetta una New York che un pò la conosce.  L’ho incontrata anch’io come tanti, qualche mese fa, quando con il sogno americano negli occhi ha cominciato a cucinare in giro per lo Stato di New York.

    I suoi piatti hanno catturato il palato di piccoli e grandi, di importanti personalità del mondo italiano e americano ma anche di gente che, in un mercato, in un negozio, ad un evento aperto al pubblico, ha avuto la fortuna di incontrarla.

    E una cosa è certa: chi l’ha conosciuta non può dimenticarla.
    Rosanna mi aveva contattato via facebook prima di venire. Ricevo tante richieste ma, confesso, la sua aveva qualcosa di più. Mi aveva colpito per la provenienza: da Vasto, il paese di mio padre.

    Quando si è presentata in redazione, con la sua colorata brochure ed il suo calore umano, poi ci ha conquistati un pò tutti, ancora prima di cucinare.

    Confesso quindi, di essere terribilmente di parte.

    Rosanna è arrivata determinata, con l’idea di far conoscere la sua regione attraverso la sua cucina.
    Il desiderio era quello di trasferire le grandi tradizioni culinarie della sua terra d'abruzzo, Vasto in particolare, oltre oceano. Per questo si è armata di grembiule per entrare in tutti i posti dove è possibile cucinare. Lo ha fatto con una carica difficilmente replicabile, spesso con un pizzico di sfacciataggine, ma sempre con grande passione e semplicità.

    ‘Ma chi è quella signora con gli occhiali ed il grembiule che si aggira di qua e di là?’  Se lo sono chiesto in molti. Per conoscerla non restava che assaggiare i suoi formidabili piatti preparati con la generosità di un’autentica cuoca che ama far scoprire i sapori della sua terra. Cucina semplice, con ingredienti scelti con cura, portati dall’Abruzzo ma anche raccolti a New York dopo lunghe esplorazioni per i suoi mercati.  Poi un grande amore in ogni dettaglio delle sue ricette.

    Proprio così. come si vede per fortuna nella sua terra, in quelle grandi cucine dove si usano ancora il tegame di terracotta, di rame e la brace.

    Rosanna cucina da Whole Food, da Di Palo, nella Marymount School, nel  Bronx, in tantissimi posti, in diverse case. Rosanna fa la spesa e corre ai fornelli.

    E’ un continuo passa parola tra dicembre e febbraio. La notizia rimbalza anche da facebook a twitter. I giornali abruzzesi cominciano scrivere di lei.

    Un giorno con la redazione decido di accompagnarla nel Bronx, dove realizziamo un video molto divertente (in fondo all'articolo). Rosanna conquista l’intero mercato con la sua simpatia, con i colori, i sapori ed i profumi dei suoi piatti, non parla inglese ma certo le non serve.

    Ho avuto la fortuna di spiarla in una cucina di un locale. Il suo modo di comunicare, anche con adetti ai fornelli spesso non italiani, è straordinario. Lei spiega tutto quello che fa. Dietro un dosaggio preciso delle sue ricette, prodotti di altissima qualità,  la necessità di farlo capire a tutti.

    Rosanna va via da New York gli ultimmi giorni di febbraio ma lo fa dicendo a tutti: torno!

    E nessuno ha mai avuto un dubbio al riguardo. Rieccola arrivare.

    Nei mesi passati in Italia non ha perso tempo. Si è organizzata.

    “Ho smontato l’Abruzzo” mi ha detto ”Sono andata ovunque, qualcuno mi ha accolto con gentilezza, qualcuno mi ha fatto proposte, qualcunaltro alcora mi deve ricevere,  ma io vado avanti lo stesso”. Certo l’Italia non è un Paese facile e soprattutto in un momento di crisi come questo,  è difficile trovare chi si imbarchi in nuovi progetti.

    Eppure Rosanna ci riprova. Rilancia l’associazione culturale “Abruzzo in tavola” che ha la sua stessa missione: quella di portare in giro per il mondo la cucina tipica abruzzese.

    E torna quindi con "l’Abruzzo Week” sponsorizzata da aziende abruzzesi che ha contattato lei stessa. Vuole portare una sorta di vetrina con diversi prodotti della sua terra.

    “L’intento è di unire aziende alimentari abruzzesi interessate a far conoscere i loro prodotti in America” ci dice. Ma sarà molto lunga questa settimana, visto che già si prospettano eventi fino a giungo.  “E’ vero ,è molto più di una settimana. Ci sto lavorando e ci saranno molte altre sorprese”.

    Per avere aggiornamenti – e sapere dove va Rosanna – rimanete in contatto con i-Italy, con la pagina facebook di i-italy e con il sito di Rosanna.

    Possono esserci novità e cambiamenti ogni giorno.

    Dunque siete pronti a conoscere l’Abruzzo in cucina? Ad assaggiare un brodetto alla vastese, la pasta alla hitarra, paccheri con carciofi e ricotta salata? E ancora tantissimi altri prodotti...

    Program:
    26/27       - The New Community College CUNY 
    April 29  -  DI PALO
    30 Aprile -  Madison Avenue
    May 2      - Enoteca DI PALO'S 
    May 3     - Italian Cultural Center(Westchester) 
    May 5    - LA VIA DEL GUSTO (Connecticut)
    May 10  -  CITY COLLEGE NY.

  • Dining in & out: Articles & Reviews

    Do you Want to Know the Delicacies of Abruzzi? Go where Rosanna Goes

    ITALIAN VERSION

    Rosanna is coming back. This time around New York knows her a bit more. I met her, as many other did too, a few months back when, with the American dream in her eyes, she was cooking her food around New York state.

    Her dishes have won the palates of young and old, of renown Italian and American
    personalities alike but also of those people who, at the market, in a food store or at an event open to the public, have been lucky enough to meet her.
    One thing's for sure: who has met her cannot forget her.

    Rosanna contacted me via facebook before coming here. I always get tons of requests but, I must confess, hers had something more... it really stood out. I was immediately captured by the place it was coming from: Vasto, my father's hometown.
    When she showed up at the office with her colorful brochure and that warmth she won us over, all of us, even before trying her food.  I must confess, then, that I am biased.

    Rosanna was really determined when she got here, with the idea to promote her region through her cooking. Her wish was, and still is, to pass along the great eating traditions of her Abruzzo. Of Vasto, most of all. That's why she, armed with her apron, was busy cooking all over the place. She did it with hardly replicable drive, often with a pinch of insolence, but always with great passion and simplicity.

    “Who is that woman wearing glasses and an apron that's walking around?” this is what people were wondering. The best way to get to know her was by tasting her amazing dishes, prepared with the generosity of a true chef who wants people to share the flavors of her hometown. 
    Her cuisine is simple, prepared with carefully selected ingredients, either brought directly from Abruzzi or selected here in New York during long exploratory trips in local markets. Her recipes feature great love for each and every detail, just like, fortunately, it still happens in the kitchens of Abruzzo where cooks still use terracotta or copper pots.

    Rosanna starred in demos at Whole Foods, Di Palo, the Marymount School, in the Bronx, and both public places and private houses. Rosanna went food shopping and then cooked. She found places to go to through word of mouth all through December and February. News about her suddenly showed up all over facebook and twitter. The newspapers of her region started featuring stories about her.

    One day I decided to go with my staff to the Bronx with her and we shot a real fun video. Rosanna seduced the whole market with her personality, the colors, the flavors and the scents of her food, even though she does not speak English. She doesn't need to.

    I was lucky enough to spy on her cooking in the kitchen of a restaurant. Her way of communicating with the kitchen staff, who often are not Italian, was extraordinary. She explained everything she does, step by step.  The secrets behind the success of her recipes are indeed a careful dosing, high quality products and the need to clarify everything that needs to be done.  

    Rosanna left New York at the end of February but with a promise: “I will be back!”
    Nobody doubted that. She is now coming back. While she was in Italy she had no time to waste, she got organized.

    “I took Abruzzo by a storm,” she tells me “I went all over the place. Some people welcomed me with kindness, others had some propositions, some others still have not agreed to meet me, but I keep going.” Sadly, Italy is not living through a fruitful economic moment right now and working on new projects is not an easy feat.

    But Rosanna is not giving up. She launches the cultural association “Abruzzo in tavola” with which she shares the same mission promoting the traditional cuisine of Abruzzo in the world.
    She is back with “Abruzzo Week,” a real feast sponsored by local Abruzzese producers she has contacted on her own. It will be a showcase of the various products of her homeland.  

    “My goal is to bring together those producers who want America to get to know their products,” she confesses. This week will be particularly long, considering that there are events planned through the month of June.  “It's true, it's much longer than a week. I am working hard and I have many surprises in store for you all.”

    For updates – and to know where Rosanna is going to be – check on i-Italy, on i-Italy's facebook page and on Rosanna's web site,  www.rosannacooking.com
    There could be news and last minute changes every day.

    So are you ready to get to know the cuisine of Abruzzo? To taste brodetto alla vastese (a seafood soup that was traditionally prepared on board Vasto’s fishing boats), pasta alla chitarra (homemade noodles that resemble guitar strings) , paccheri con carciofi e ricotta salata (oversized rigatoni served with artichokes and salted ricotta)? And much, much more.

    ---

    Program:
    26/27       - The New Community College CUNY 
    April 29  -  DI PALO
    30 Aprile -  Madison Avenue
    May 2      - Enoteca DI PALO'S 
    May 3     - Italian Cultural Center(Westchester) 
    May 5    - LA VIA DEL GUSTO (Connecticut)
    May 10  -  CITY COLLEGE NY.

  • Life & People

    From Boat to Table with the Serafina Boys

    ITALIAN VERSION >>

    “Embark on an adventure,” they say in Italy. But it’s more than a saying for Vittorio Assaf and Fabio Granato, who are neither sailors nor explorers.

    This is about the well-known and now legendary owners of the successful restaurant chain Serafina. But only a few friends know that their American adventure began on a boat.

     I meet them together sitting at a table in their new restaurant Serafina Upper West. In a few days their next restaurant will open in New York and on April 17 Serafina Meatpacking will be christened. Joining us at the table is Alessandra Rotondi, their sommelier for several years.

     
    It was one of the most entertaining conversations I’ve ever had. Vittorio Assaf and Fabio Granato tell me much about their lives. Between one anecdote and the next, there is often confusion in the fun memories accompanied by their dishes speaking in with vivid colors, scents, and flavors.

    “This is restaurant magic. It’s a neighborhood for families so we are also invaded by little ones. The parents bring them. In the afternoon there is a very special atmosphere and I’m happy with that. They are our future customers. Then at night there are always more people.” Vittorio greets me with a very sweet smile from the other side of the table. Fabio, at first, is more detached, scrutinizing me.

    I ask them to tell me the story of the boat. Actually a catamaran. “It all started that day. We decided to go skydiving over the weekend. We went to Southampton, but after a day of class we were told it was too windy. We couldn’t launch then. Clearly,” jokingly observes Fabio, “Vittorio had no intention of doing it as soon as he saw the liability release he had to sign.”

    Vittorio interjects: “A tremendous thing! Sixty-four thousand pages that read. If you lose an ear you can’t sue, if you become brain damaged you can’t sue, if you die you can’t sue….”

    So, unable to skydive, they decided to rent a catamaran. “Vittorio, I don’t know anything about the sea,” I told him and he responded: “You don’t need to do anything. Don’t worry! We’ll get a sail boat and see where the wind takes us.”

    Where the wind takes us…. But the wind was too strong even for a boat. And shortly after in the water they, too, realized it. It was too late.

    “Our girlfriends left us,” Vittorio remembers, “so just the two of us set sail. After only ten minutes, the mast detached from the boat. It was about 50 knots of wind.”

    They are alone in the middle of the bay. Lights come on in the distant houses. It’s eight o’clock at night. No one sees them. No one comes to help.
     
    “The waves were very high. They couldn’t see us. We screamed in vain. At some point, to distract ourselves, we start talking about food. What we like. Pizza and pasta. Our girlfriends, now at home, not seeing us come back, who knows, maybe they thought we found someone else! A long time passes and we decide: if we come out alive, we will invent pasta and pizza that does not exist in New York!”

    Only much later did the girls realize their prolonged absence. They call 911 and a helicopter sighted them at around two o’clock in the morning. They come home shivering but safe. And then they must realize what they promised. “We immediately started to look for the location, opening a year later on July 17 in ’95.”
     

    They share so many anecdotes between one delicacy and the next. Unfortunately I cannot recount them all, but I came back home laughing to myself.
     
    Vittorio: “So we saw what others could not see yet. Nobody believed in our project. Our friends, rich and poor, they said: What made you think of opening a restaurant? And on the second floor? You’re throwing money away!”
     
    Fabio: “Our own families didn’t support us. I'll always remember a fat American who said to me one day: Who the fuck do you think is gonna come upstairs? But then he apologized to me, after we had just opened the restaurant and he saw the line to get in.”

     
    I try to understand, to uncover a few secrets from these restaurateurs who have already opened many restaurants and not just in New York.

    “It’s been a combination of elements right from the start,” says Vittorio. “The energy, the décor, but mostly I repeat what we invented – an industry that was not there before.”

    There were stiff, luxury Italian restaurants, and there was nothing else. There was nothing in between. We decided to change the way New Yorkers eat. We found a niche with the slogan: ‘Welcome home.’ People had to feel good and the prices had to be fair. An example today? Penne with vodka for $10. It costs you less to eat here than to cook at home! You have to buy De Cecco penne, then parmigiano reggiano, then Sicilian sea salt, then vodka, then the real Sammarzano tomatoes from Naples….”

     
    “We are open 7 days a week. With 1,500 employees we feed 5,000 to 6,000 people a day.”
     
    A success story. They opened many other restaurants since the first. A few of the names: Serafina Fabulous Grill, Serafina Osteria, Serafina Broadway, Serafina at The Time Hotel, Serafina East Hampton, Serafina Philadelphia, Serafina White Plains, Serafina Upper West, and Serafina Sao Paulo in Brazil. And then others that don’t serve Italian cuisine: Geisha Brasserie and Cognac.

    Here’s another anecdote. The restaurant Serafina 61 was originally called Sofia. It was the name of an ex-girlfriend who he hoped would come back. “Yes, he captured the romantic side of people. There was a line to get in, but there was always one empty table. People knew that he expected Sofia. Sofia never came back!”
     
    And to change the name of the restaurant they held a very successful contest. “Yes, it was a great advertising campaign. And our new name came out: Serafina. This got us three pages in the New York Times. It was ’98!” 

    The courage and the thrill of exploration. Even restaurants inspired by Japan and France are a success. There, the Italian eye suggests other cuisines with subtlety. Even the restaurant Serafina Upper West has a small room is devoted to Asian cuisine. Here I tasted a curious but amazing sushi with truffle. I recommend it to everyone.
     
    So tradition but also taste, sometimes gone a bit crazy with experimentation. “We're opening Serafina Meatpacking and we came up with a menu just for adults. You must be at least 21 years old to order. It’s based on tequila.”
     

    Alessandra Rotondi adds to the chatter and tells us how she met them at the Fancy Food Show. “I knew them by reputation; I wrote about them while I was in Italy before even meeting them. I was excited, but we quickly hit it off and they asked me to work with them as a sommelier. We have to open Cognac,” they told me. “Come with us!”
     
    Vittorio explains, in front of me, to a co-worker that there is too much sauce on the carpaccio. I ask him about his passion for cooking. “It comes from my grandmother. Every Wednesday we had company at home. They were intellectuals and artists. At four years old I knew how to make pizza, and at eight years old sea bass.”
     
    It’s not the same for his friend who admits to not being much in the kitchen: “I like to taste! And I’m also very critical. I like to have fun  in the kitchen but I also have a sense of taste, of flavors.”
     
    “He’s the critic and I’m the cook! I’m crazy sometimes. I come up with menus that are neither in heaven nor on earth,” says Vittorio.

    I try to steal a few more secrets. A comfortable environment. The right price. And what else?

     
    “The quality of the ingredients that did exist when we opened. The simplicity that is not so easy to capture. The flavors all have to balance. Even desserts, which are often too sweet. One thing flows from the other. “Seeing is believing,” says Vittorio. “No compromise; quality always. The buffalo mozzarella comes from Caserta the same day it is produced and is on the table that evening. And so it is for other products. The flavor must remain in the throat, mouth. If it succeeds, the product becomes the most extraordinary sensation of your life. All this in a place that should be an extension of your home. The locations are all magical. They feature frescoes by Michela Martello so they are all special.”"
     
    They will also open in Tokyo, then in Brazil and Russia. I ask them how they plan to keep the original spirit as they continue to expand. There is always the risk of losing control over quality and customer relations.
     

    “The secret is in the training we do. It lasts three months with only five people in the kitchen. After they have prepared 300 pastas and 500 pizzas a day, then they can cook with their eyes closed.”
     
    It still seems like I’m talking to those two foolish guys who rented a boat on the wrong afternoon. Yet their success is no joke. They have become famous thanks to the presence of so-called celebrities at their restaurants. Many articles and photographs recount these visits along with celebrity gossip. Lady Gaga and Tom Cruise are among the many superstars who have visited.

    And yet it doesn’t seem like success has gone to their heads. “For us, every day is like the first day. With every restaurant we open we are as excited as if it were the first. We like it, even though we are a bit crazy! It's fun. We try to convey the excitement. Many have worked with us for over 10 years.”

    Fabio Granato: “I don’t think I’ve changed. We’re the same. There was a moment when we didn’t have money to buy dishes. Near the opening the façade needed to be repaired and no one wanted to give a loan. We were very inexperienced, and in the lease it said that we were responsible for everything. Even events like this.”
     
    Vittorio Assaf: “We’re the ones who, for the oven, brought back lava from Vesuvius in our suitcases and salt from Sicily to absorb moisture from pizza in the oven.”
     

    “Sometimes really comical things happen around here,” says Fabio, who along with Vittorio continues to share stories….
     
    “You have 110 people who work together but who don’t necessarily love each other. This is the toughest job in the world. The same exact dish can turn out quite differently. Anything goes.”

    And there’s the old woman who slaps you because her diabetic husband receives the wrong order because the waiter delivered it to the wrong table. Then there’s the woman with her boa on fire because of a candle and it’s saved by mineral water. There’s the woman who complains with the cane that belongs to her blind husband.  
     

    At the end, I spontaneously ask them what they will be when they grow up. Vittorio wants to open a restaurant in his native Milan. It’s just the opposite for Fabio. “We can’t talk about that part of Italy. One thing is ‘certain,’” says Fabio still joking: “I want to produce a movie and Vittorio will play the lead.”

    The film, I think, is the one I just saw.

  • Fatti e Storie

    Da una barca a tavola, con i Serafina Boys

    ENGLISH VERSION >>

    “Imbarcarsi in un’avventura” si dice in Italia. E’ un modo di dire più che indovinato per Vittorio Assaf e Fabio Granato, che però non sono nè marinai nè esploratori.

    Si tratta invece degli ormai ‘leggendari’, e molto noti nell’ambiente, proprietari della fortunata catena di ristoranti Serafina. Ma pochi amici sanno che la loro avventura americana è cominciata in barca. La loro è una storia che va raccontata.

    Li incontro insieme, nel migliore dei posti, seduta ad un tavolo del loro nuovo locale Serafina Upper West.  – fra pochi giorni il penultimo ristorante aperto a New York. Il 17 aprile viene battezzato infatti Serafina Meatpacking. Al tavolo con noi anche Alessandra Rotondi, loro sommelier da diversi anni.
     

    E’ una delle conversazioni più divertenti che abbia mai avuto. Vittorio Assaf e Fabio Granato mi raccontano molto della loro vita. Tra un annedoto e l’altro, spesso tanta divertente confusione nei ricordi, i loro piatti parlavano a loro volta con colori, profumi, sapori.

    “E’ un ristorante magico, questo. E’ una zona per famiglie e siamo invasi anche da piccolissimi. I genitori li portano. Nel pomeriggio c’è un atmosfera molto particolare ed io sono felice che sia così. Sono loro i nostri futuri clienti. Poi ogni sera abbiamo sempre più gente.” Vittorio mi accoglie con un sorriso molto dolce, dall’altra parte del tavolo, Fabio che all’inzio è più distaccato, mi scruta.
     

    Ma mi faccio subito raccontare la storia della barca. Ovvero del catamarano.

    “E’ nato tutto quel giorno. Avevamo deciso di fare del parachuting nel fine settimana. Siamo andati a Southampton ma dopo una giornata di lezione ci hanno detto che c’era troppo vento. Non potevamo lanciarci quindi. Chiaramente – osserva scherzando Fabio – Vittorio non aveva alcuna intenzione di farlo fin da quando aveva firmato impaurito le liberatorie da ogni responsabilità”.
     

    Vittorio interviene: “Una cosa tremenda! 64 mila pagine con scritto: se perdi l’orecchio non ci denunci, se diventi scemo non ci denunci, se muori non ci denunci…”

    Così, non potendo paracadutarsi, decisero di affittare un catamarano. “Vittorio, io non so niente del mare – gli dissi  – lui mi rispose: non devi fare niente, stai tranquillo! Prendiamo una barca a vela e vediamo dove ci porta il vento”

    Dove ci porta il vento…. Ma il vento era troppo forte anche per una barca. E poco dopo in mare se ne sono resi conto. Troppo tardi.
     

    “Le nostre ragazze ci abbandonano– dice Vittorio – siamo partiti noi due.  Dopo solo dieci minuti si stacca l’albero della barca. C’erano 50 nodi di vento. “
     

    Rimangono da soli in mezzo alla baia. In lontananza le luci si accendono nelle case. Si fanno le 8 di sera. Non li nota nessuno. Nessuno viene ad aiutarli.
     

    “Le onde erano altissime. Non ci vedevano. Urlavamo inutilmente. Ad un certo punto per sdrammatizzare ci mettiamo a parlare di cibo. Di cosa ci piace. Di pizza e pasta. Le fidanzate, ormai a casa, non vedendoci tornare, chissà, pensavano che forse avevamo trovato delle altre! Passa tanto tempo e noi decidiamo: una volta usciti vivi avremmo inventato la pasta e la pizza che non c’era a New York!”
     

    Solo molto tardi le loro ragazze si rendono conto dell’assenza prolungata. Chiamano il 911 ed un elicottero li avvista verso le 2 di notte. Tornano a casa infreddoliti ma salvi. Devono realizzare quanto si sono promessi. “Abbiamo cominciato subito a cercare la location, l’apertura un anno dopo:  il 17 luglio del '95 .”
     

    Gli aneddoti che raccontano tra una prelibatezza e l’altra sono tantissimi. Purtruppo non posso raccontarli tutti, ma sono tornata a casa ridendo fra me e me.
     

    Vittorio: “Abbiamo visto allora quanto nessuno ancora vedeva. Nessuno credeva nel nostro progetto. I nostri amici, poveri o ricchi, dicevano: ma cosa pensate di fare, un ristorante? E poi al secondo piano? Buttate i soldi!"
     

    Fabio: “Le nostre stesse famiglie non ci appoggiavano. Poi mi ricorderò sempre un signore ciccione americano che un giorno mi disse: Who the fuck do you think is gonna come upstairs?  Ma poi mi ha chiesto scusa, appena aperto il ristorante, quando ha visto la coda”.
     

    Ma cerco di capire, di carpire qualche segreto da questi ristoratori che hanno ormai aperto tantissimi ristoranti e non solo a New York.
     

    “E’ stata fin dall’inzio una combinazione di elementi – dice Vittorio – l’energia, il décor,  ma soprattutto ripeto abbiamo inventato un’industria che allora non c’era.

    Esistevano infatti ristoranti italiani stiff, di lusso e poi non c’era niente. Ovvero non una via di mezzo. Abbiamo deciso di cambiare il modo di far mangiare. Abbiamo trovato una nicchia con lo slogan: ‘Benvenuti a casa’. La gente si doveva sentire bene e  doveva pagare il giusto.

    Un esempio oggi? Penne alla vodka a 10 dollari. Ti cosa di meno mangiarle qui che cucinarle a casa! Devi comprare le penne De Cecco, poi il Parmigiano Reggiano, poi il Sale marino sicilano, poi la Vodka, poi il Vero pomodoro Sammarzano di Napoli….”
     

    “Siamo aperti 7 giorni alla settimana. Con 1500 dipendenti diamo da mangiare a 5000-6000 persone al giorno” .
     

    Una storia di successo. Sono nati poi molti altri ristoranti. Un po' di nomi: Serafina Fabulous Grill, Serafina Osteria, Serafina Broadway, Serafina at The Time Hotel, Serafina East Hampton, Serafina Philadelphia, Serafina White Plains, Serafina Upper West and Serafina Sao Paulo in Brazil.  E poi altri  non solo di cucina italiana: Geisha Brasserie e Cognac.

    Ma ecco un altro aneddoto. Il locale Serafina 61 prima non si chiamava così ma Sophia. Era il nome di una ex fidanzata che si sperava tornasse. “Sì, ha catturato il romanticismo della gente. C’era la coda ma un tavolo era sempre vuoto. La gente sapeva che si aspettava Sophia. Sophia non è mai tornata!”
     

    E per cambiare nome al ristorante hanno fatto un concorso molto fortunato. Ancora una volta un successo: “Sì una grande pubblicità. E’ uscito il nome nuovo: Serafina. Tutto questo ci ha procurato tre pagine sul New York Times. Era il '98!”
     

    Il coraggio ed il gusto dell’esplorazione. Anche i ristoranti ispirati al Giappone e alla Francia sono un successo. Lì l’occhio italiano velatamente presente propone altre cucine. Anche al ristorante Serafina Upper West una piccola sala è dedicata alla cucina orientale. Qui ho assaggiato un curioso ma straordinario sushi al tartufo. Lo consiglio a tutti.
     

    Dunque tradizione ma anche il gusto, a volte un po' folle, della sperimentazione.

    “Stiamo aprendo Serafina Meatpacking e ci siamo inventati un menù solo per maggiorenni. Occorrerà avere 21 anni per ordinarlo. E’ a base di Tequila.”
     

    Alessandra Rotondi assiste alla chiacchierata e ci racconta come li ha incontrati al Fancy Food Show. “Li conoscevo di fama, avevo scritto su di loro mentre ero in Italia ancora prima di conoscerli. Ero emozionata, ma si è creata subito empatia e mi hanno offerto di lavorare  da loro come sommelier. Dobbiamo aprire Cognac – mi hanno detto – vieni da noi!”
     

    Vittorio spiega, davanti a me, ad un collaboratore che c’è troppa salsa sul carpaccio, gli chiedo da dove nasce questa passione per la cucina. “ Da mia nonna. Tutti i mercoledi aveva gente a casa. Erano intellettuali, artisti. A 4 anni sapevo fare la pizza e ad 8 il branzino. “
     

    Non è lo stesso per l’amico che confessa di non essere un granchè ai fornelli: “Mi piace assaggiare! E sono anche molto critico. Io in cucina faccio solo baldoria ma ho il senso del gusto, dei sapori”.
     

    “Lui mi fa da critico ed io cucino in sostanza! Io sono matto a volte me ne esco con dei menù che non stanno nè in cielo nè in terra”, dice Vittorio.
     

    Ma cerchiamo di carpire ancora qualche altro segreto. L’ambiente familiare. Il prezzo giusto e poi?
     

    “La qualità degli ingredienti che non esisevano ancora quando abbiamo aperto. La semplicità che non è tanto facile. Tutti i sapori si devono bilanciare. Anche i dolci che spesso sono troppo dolci. Questi sono come patatine qui. Uno tira l’altro. Provare per credere. – dice Vittorio – Nessun compromesso da sempre sulla qualità. La mozzarella di bufala viene da Caserta lo stesso giorno che viene prodotta ed è sul tavolo la sera. E così per altri prodotti. Il sapore deve rimanere in gola, in bocca. Se succede il prodotto diventa una dimensione straordianria della tua vita.
     

    Tutto questo in un posto che deve essere l’estensione della tua casa. Le location sono tutte magiche e poi ci sono gli affreschi di Michela Martello che sono speciali.”
     

    Apriranno anche a Tokio, poi in Brasile ed in Russia. Gli chiedo come pensano di mantenere lo spirito originario a cui dicono di tenere tanto espandendosi così. C’è il rischio di perdere il controllo sulla qualità ed il rapporto con i clienti.
     

    “Un segreto è nel training che facciamo. Dura 3 mesi con solo 5 persone in cucina. Dopo che hanno preparato 300 paste e 500 pizze al giorno cucinano anche ad occhi chiusi.”
     

    Sembra di parlare sempre con quei due ragazzi un po' balordi che hanno preso la barca nel pomeriggio sbagliato. Eppure il loro successo non è un gioco.  Sono diventati famosi anche grazie alla presenza nei loro locali delle cosidette celebrities. Tantissimi gli articoli, le foto che raccontano queste visite e spesso anche gossip. Tra i tanti divi Lady Gaga e Tom Cruise.
     

    Eppure non sembra si siano montati la testa.

    “Per noi ogni giorno è come il primo giorno. Ogni ristorante che apriamo siamo eccitati come se fosse il primo. Ci piace, anche se siamo un po' fuori di testa! E’ divertente. Cerchiamo di trasmettere l’entusiasmo, molti lavorano con noi da oltre 10 anni."
     

    Fabio Granato:  “Io non credo di essere cambiato.  Siamo gli stessi. C’è stato un momento che non avevamo i soldi per comprare i piatti. Vicino all’apertura si era rotta la facciata e nessuno ci voleva dare un prestito. Noi eravamo proprio inesperti e nel lease c’era scitto che eravamo responsabili di tutto. Anche di eventi come questo”.
     

    Vittorio Assaf : “ Siamo quelli che per il forno hanno portato in valigia la lava del Vesuvio ed il sale della Sicilia per assorbilre l’umidità della pizza nel forno. “
     

    “A volte qui succedono delle cose veramente comiche – dice Fabio che insieme a Vittorio continua a raccontare…
     

    “Hai 110 persone che lavorano insieme e non necessariamente si amano . Questo è il lavoro più difficile del mondo. Ogni piatto  poi può uscire diverso. Succede di tutto”.
     

    E c’è la vecchietta che ti picchia perchè il marito diabetico riceve il cibo sbagliato a causa del cameriere che sbaglia il numero dei tavoli. C’è la donna con il boa che prende fuoco per colpa di una candela e viene salvata con l’acqua minerale. C’è la signora che protesta con il bastone del marito cieco…
     

    Alla fine viene spontaneo chiedergli cosa faranno da grandi. Vittorio vuole aprire un ristorante nella sua Milano. Fabio è contrario “Non se ne parla in quell’Italia”. Una cosa è ‘certa’, la dice ancora scherzando Fabio: “Io voglio produrre un film e Vittorio sarà il mio protagonista!”. Io il film credo di averlo già visto.

  • Life & People

    Colavita. An Italian Success Story Across Generations

    ITALIAN VERSION >>

    Sant’Elia Pianisi, in the province of Campobasso, 1935. Four generations ago. In Molise a company is born, one that is dedicated to olives and oil production. It’s a small family business but soon it becomes vital to the local economy.
     

     But the real breakthrough came in the mid-1970s when the founders’ sons, Enrico, Leonardo, and Giovanni begin mass producing extra virgin olive oil under the brand name Colavita.

     
    This was at a time when we didn’t know about the benefits of the Mediterranean diet but the Colavitas predicted the return to a healthier lifestyle, one that’s immediately recognizable and appreciated. Their products are based on quality, local agricultural production, and authenticity.
     

    Colavita began to soar, opening a factory in Campobasso. And that was only the beginning. Today the company, which is still only produces oil, has a sales network that spans the world, from Europe to the U.S., Canada, Australia, Japan, and South America. The Colavita brand is present in 72 countries.
     

    It takes an understanding of the company’s history to better appreciate the emotion on the faces of the Colavita heirs at the opening of their new facility in New Jersey, with a huge Italian flag flying over the entrance.

    The pride of their heritage was reflected in their features and boasted the satisfaction of people who have devoted a lifetime to their values. And the overall sense—which isn’t always the case when dealing with business people—was that it wouldn’t be hard to imagine them with their sleeves rolled up, working in the fields from where their products come.

    Their faces are friendly and open but firm, carrying the expression of a successful family business. “We had to work hard during very difficult times; when we arrived the general public didn’t know anything about extra virgin olive oil,” explained Enrico Colavita, who founded Colavita USA in 1978 with his local partner John Profaci.

    “When good people find good things, this can happen. It happened 32 years ago when I met Enrico.” Profaci said. Now part of the Colavita family, Profaci was crucial to their success in the U.S. “’I would like to sell my oil in the U.S. Let’s try and see if I can sell it,’ I said.”

    He told us about their early start: “First we gave demonstrations in stores, then in restaurants with Italian chefs. This was what they were looking for: quality and taste.”

    He reveals a secret to their initial marketing: “Trends in this country do not start in supermarkets but in restaurants.”
     

    “We struggled because at the time the Mediterranean diet was not well-known in America,” Profaci continued. “We had to explain to Americans that extra virgin olive oil was considered a product for the elite."
     

    His conclusion captures his sense of satisfaction: “We are still the only Italians who distribute olive oil throughout the entire country. Giovanni Colavita was two years old when he met me and today he’s my boss!” Profaci said, referring to the young CEO.
     

    We then entered the facility that was festively decorated and full of people who came to celebrate.

    The atmosphere was that of a big, popular festival, with the best food and smiling faces. As with all important occasions in an Italian village, the priest gave a blessing, Mayor Antonia Ricigliano said a few words, and there were appearances by Italian dignitaries such as Consul General Natalia Quintavalle and Deputy Consul Lucia Pasqualini of New York, and Consul Andrea Barbaria of New Jersey.
     

    At the ribbon cutting ceremony, every generation of Colavita, including the youngest heir, was attentively listening to every word of the presentation.
     

    At the microphone, Enrico Colavita, obviously moved, discussed the Italian family company that is rising to the challenges of a global market despite the economic crisis and competition.
     

    Consul General Natalia Quintavalle reiterated the company’s success with the hope that “more Italian companies will follow the example of Colavita, and we thank them for bringing an excellent product to the United States.”
     

    Antonia Ricigliano, Italian-American mayor of Edison, presented a proclamation to the Colavita family which declared March 30, 2012 as Colavita Extra Virgin Olive Oil Day.
     

    We interviewed Mayor Antonia Ricigliano, a third generation Italian American whose relatives were originally from the Sicilian province of Enna. Ricigliano recalled her mother in the kitchen, her parents who spoke Sicilian. “I continue to cook Italian as well, and I’m proud. I love to make lasagna, ravioli, ragù. I do not speak Italian, but I understand it!”
     

    She also remembers when, 15 months ago, Colavita and Profaci met with her to talk about the plant and how she was immediately happy to welcome them to her city with 20, 000 Italian-American residents.
     

    “Today is a beautiful day for all the people who work here and we celebrate the family that works together. This is what the Italian people should do: begin with the family.”
     

    We toured the entire facility with Giovanni Colavita, the young CEO of Colavita USA, who described in detail the activities that take place here. He told us about a typical day of work, among offices, machinery for bottling oil, warehouses for storage, deliveries, sorting, and shipment of merchandise.

    Over 65,000 square feet are dedicated not only to Colavita products, but also to other Italian products sold in the United States. Colavita has exclusive rights to import, distribute, and promote brands such as Perugina Baci, Cirio, and San Benedetto.

    Giovanni Colavita pointed out that in a sense the space looks to the future since it’s designed to encourage further expansion. He mentioned the recent success of the collaboration with the Shop Rite supermarket chain. “We are the most distributed pasta and they have doubled their sales.”

    After our tour with Giovanni, Enrico Colavita told us: “The nice thing is that young people want to continue to promote our products and Italian products in general. And we don’t know what jealousy is; we are friends with our competitors.”
     

    At the end of the story of this inauguration, we should also mention another Colavita gem: the Colavita Center for Italian Food and Wine at the prestigious Culinary Institute of America. “It was created to transmit knowledge of traditional and original Italian products to the new generation,” said Profaci. “We also offer scholarships to assist students with interests in Mediterranean cuisine.”
     

    One of the keys to Italian success in the world is to know how to use tradition, enhance it, and export it while not overlooking modern innovation. Colavita has been able to do this by focusing on its own family and capitalizing on its strengths, from generation to generation, and investing in young people.

    



  • Fatti e Storie

    Colavita. Un successo tutto italiano di generazione in generazione

    ENGLISH VERSION >>

    Sant'Elia a Pianisi, Provincia di Campobasso, 1935. Quattro generazioni fa. In terra molisana nasce un’azienda che si dedica agli ulivi e alla produzione dell’olio. E’ una piccola realtà a conduzione familiare, ma presto diventa importante per l'economia del territorio.
     

    Ma la vera svolta è quando i figli dei fondatori, Enrico, Leonardo e Giovanni, a metà degli anni’70 avviano la commercializzazione dell’Olio Extra Vergine di Oliva con il marchio “Colavita”.
     

    Sono anni in cui ancora non si parla molto di dieta mediterranea ma i Colavita anticipano uno stile di vita sano, subito apprezzato e riconosciuto. I loro prodotti si basano su qualità, produzione agricola  locale, genuinità e autenticità.
     

    “Colavita” spicca il volo, viene aperto uno stabilimento a Campobasso. E’ solo l’inzio. Oggi l’azienda, che non si occupa più solo di olio, ha una rete commerciale che attraversa  tutto il mondo, dall’Europa agli Usa, Canada, fino all’Australia, Giappone e Sud America. Il Brand Colavita è presente in 72 paesi .
     

    E ci vuole anche un po' di questa storia  per riuscire a raccontare e capire l’emozione che abbiamo colto nei volti degli eredi Colavita all’apertura del loro nuovo stabilimento nel New Jersey, con una enorme bandiera italiana che sventola sul piazzale d’ingresso.
     

    Abbiamo visto volti con l’orgoglio delle proprie origini raccontato nei lineamenti, che narrano la soddisfazione di persone che hanno speso una vita intera  per quello in cui hanno creduto. E la sensazione - non sempre presente quando si ha a che fare con imprenditori - era che non sarebbe stato difficile immaginarli con le maniche rimboccate a lavorare loro stessi, in quei campi da cui provengono i prodotti.
     

    Visi aperti, accoglienti, ma fermi, espressione di un sana imprenditoria familiare. `

    “Abbiamo dovuto lavorare molto, in tempi difficili, quando siamo arrivati non si conosceva l’olio d’oliva exatravergine"  ha spiegato Enrico Colavita  che ha fondato Colavita Usa nel 1978 con il partner locale, John Profaci.
     

    “Quando la brava gente incontra buone cose, questo può succedere. E’ accaduto 32 anni fa quando ho incontrato Enrico” ha detto Profaci, ormai parte della famiglia Colavita, persona fondamentale per il loro successo negli USA.   "'Vorrei vendere il mio olio negli USA’ mi disse.  'Proviamo e vediamo se posso venderlo’, ho detto".
     

    E ha raccontato come hanno cominciato : “Prima dimostrazioni nei negozi, poi nei ristoranti con chef italiani. Questo era quello che loro cercavano. Qualità e gusto".
     

    Svela anche uno dei segreti del loro marketing iniziale: “ I trend in questo Paese non cominciano nei supermercati ma nei ristoranti”.

    “Abbiamo faticato perché allora la dieta mediterranea non era ancora diffusa in America”, continua John Profaci. “Abbiamo dovuto spiegare agli americani l’olio extravergine che era considerato solo un prodotto di élite”.
     

    La sua conlcusione racchiude tutta la sua soddisfazione: “Noi siamo ancora gli unici italiani a distribuire su tutto il territorio nazionale l’olio d’oliva. Un business di famiglia, Giovanni Colavita aveva 2 anni quando incontrai Enrico, e ora lui è il mio boss!” dice rivolgendosi al giovane CEO.
     

    Siamo così entrati in uno stabilimento decorato a festa, pieno di persone accorse per festeggiare. L’atmosfera era quella di una grande festa popolare, con il miglior cibo e sorrisi sui volti di tutti. C’erano, come in tutte le occasioni importanti in un paese italiano, il sacerdote per la benedizione ed  il sindaco del luogo Antonia Ricigliano, oltra alla presenza delle istituzioni con il console generale Natalia Quintavalle,  il Console Aggiunto Lucia Pasqualini di New York,  ed il console Andrea Barbaria del New Jersey.
     

    Al taglio del nastro tutte le generazioni dei Colavita fino al piccolissimo erede, concentratissimo e attento ad ogni parola della presentazione.
     

    Al microfono il presidente Enrico Colavita, con evidente emozione,  ha raccontato l’impresa di una famiglia italiana che affronta le sfide del mercato globale, nonostante la crisi economica e la concorrenza.
     

    Il console Generale Natalia Quintavalle ha ribadito il successo dell’azienda con l’auspicio che  “Altre società italiane seguano l’esempio di Colavita, che ringraziamo per avere portato un prodotto eccellente negli Stati Uniti”.
     

    Antonia Ricigliano,  sindaco di Edison, italo-americana, ha consegnato alla famiglia Colavita una proclamation dove viene dichiarato il 30 marzo "Colavita Extra Virgin Olive Oil Day.
     

    Di terza generazione, di origine siciliana, della provincia di Enna, intervistata da noi, Antonia Ricigliano ha ricordato la madre ai fornelli, i suoi genitori che parlavano in siciliano. “Continuo a cucinare italiano anch’io, e ne vado orgogliosa. Amo preparare lasagne, ravioli, il ragù. Non parlo italiano ma lo capisco!”.
     

    Ci ha ricordato anche di quando, 15 mesi fa, si presentarono da lei Colavita e Profaci per parlarle dello stabilimento e  di come fu subito felice di accoglierli nel suo Comune con almeno ventimila italo-americani residenti.
     

    “Oggi è un giorno bellissimo anche per tutte le persone che lavorano qui e celebriamo la famiglia che lavora. Questo è quello che la gente italiana deve fare: partire dalla famiglia.”
     

    Abbiamo visitato l’intero stabilimento con Giovanni Colavita, il giovane CEO di Colavita USA, che ci ha descritto nei minimi particolari le attività  che si svolgono.  Ci ha raccontato con particolare efficacia alcuni momenti di una giornata lavorativa lì, tra uffici, macchinari per imbottigliare l’olio, magazzini per conservare, arrivi, smistamento e partenza delle merci.
     

    Si tratta di 20 chilometri quadrati dedicati non solo ai prodotti Colavita, ma anche ad altri generi di consumo italiani negli Stati Uniti. Colavita ha infatti l’esclusiva per l’importazione, distribuzione e promozione di marchi come Perugina Baci, Cirio, San Benedetto.

    Giovanni Colavita ha tenuto a precisare che lo spazio in certo senso guarda al futuro,  è studiato infatti per favorire un’ulteriore espansione dell’attività.  Ha detto, tra l’altro, del recente successo della collaborazione con la catena Shop Rite. “Siamo la pasta più distribuita e loro hanno raddoppiato le vendite.”

    Enrico Colavita ci dirà poco dopo la nostra escursione nello stabilimento con Giovanni: "La cosa bella è che i giovani vogliono continuare a promuovere i nostri prodotti e quelli italiani in genere. E noi non sappiamo cosa sia la gelosia, siamo amici dei nostri competitors".
     

    Al termine del racconto di questa inaugurazione crediamo sia importante ricordare un altro fiore all’occhiello  dell’azienda. Si tratta del Colavita Center for Italian Food and Wine, presso il prestigioso Culinary Institute of America.  “E’ nato per trasmettere la conoscenza delle tradizioni e prodotti originali italiani alle nuove generazioni – ci ha detto Profaci – e ha anche una scholarship per assistere finanziariamente studenti con interessi nella cucina mediterranea.”
     

    Una delle chiavi del successo italiano nel mondo è quella di saper usare la tradizione, valorizzarla ed esportarla, non dimenticando le innovazioni. Colavita ha saputo farlo e lo ha fatto puntando sulla propria famiglia e la trasmissione di compentenze, di generazione in generazione, scommettendo sui giovani.

    



Pages