header i-Italy

Articles by: Emanuela Medoro

  • Una fiaccolata per commemorare le vittime del terremoto del 6 aprile. 309 vittime
    Ma troppi fabbricati restaurati e rimessi a nuovo sono purtroppo ancora vuoti. La scena offerta da palazzi secolari dall’aspetto oggi nuovissimo, contigui a cantieri con le gru in movimento, è invero singolare anche per chi ne ha esperienza quotidiana. Si ha l’impressione di uno spazio cittadino in divenire, incompiuto, direi informe, dove tutto deve ancora succedere in un futuro dalle dimensioni ignote. Ricordo che un politico in auge all’epoca del sisma, dopo avere sorvolato la città subito dopo il catastrofico evento, disse che per rifarla ci sarebbero voluti almeno trent’anni. Se dopo nove anni la metà è rimessa a nuovo, possiamo essere ottimisti sui tempi a venire.
  • Laura Benedetti
    Secondo Piano, il secondo romanzo di Laura Benedetti, si svolge all’interno del mondo accademico, presentando domande pressanti sulle contraddizioni della globalizzazione, il ruolo delle università e la capacità della scrittura di ristabilire l'equilibrio in un mondo sempre mutevole. La narrazione segue Federico Conti, direttore del dipartimento italiano di una prestigiosa università americana, mentre affronta la morte improvvisa del suo collega Jacopo, un vecchio professore dell'università. Emanuela Medoro offre una recensione dell’ultimo lavoro di Benedetti.
  • Arte e Cultura
    Emanuela Medoro(May 22, 2017)
    "Nero è il cuore del papavero", è l’ultima pubblicazione di Patrizia Tocci. Il libro è stato recentemente edito da Tabula Fati con una introduzione di Paolo Rumiz. Patrizia Tocci è nata nel 1959 a Verrecchie, un paese in provincia dell’Aquila, dove è cresciuta e rimasta fino al trasferimento a Roma per l’inizio degli studi superiori. Curiosa di conoscere con precisione il luogo dei ricordi di Patrizia, ho cercato Verrecchie su google, e ho trovato che si tratta di una frazione del comune di Cappadocia, che si raggiunge da Tagliacozzo. Le immagini mostrano un gruppo di case arrampicate lungo le pendici di un monte. Svetta un campanile, sullo sfondo il monte Velino innevato.
  • Una scena tratta dal film con Micaela Ramazzotti ed Elio Germano
    Fatti e Storie
    Emanuela Medoro(May 01, 2017)
    "La Tenerezza", l’ultimo film di Gianni Amelio, liberamente tratto dal romanzo “La tentazione di essere felice” di Lorenzo Marone, ha nel titolo una parola usata anche da Papa Francesco. Mi sembra opportuno ricordare che secondo Lui la tenerezza non è debolezza, ma è fortezza, se unita a solidarietà e umiltà, perché il potere fa male a chi lo esercita e a chi lo subisce se non lo si mette insieme a umiltà e tenerezza. Concetti utilissimi per spiegare i sentimenti più o meno espressi che muovono i protagonisti di questo film.
  • Soprattutto, vorrei che i soldi, sia quelli pubblici che quelli provenienti da donazioni private, siano spesi onestamente per riportare città e borghi alle strutture e forme originali, ovviamente nei limiti del possibile. Nel 2016 non si potrà più ricostruire in pietra e mattoni come fecero gli antichi, ma almeno si badi a non devastare con interventi discordanti la antica fisionomia dei centri abitati, di una bellezza discreta, armoniosamente inseriti nell’ ambiente naturale.
  • Sono certa che l’Aquila stia rinascendo, più bella di prima. Sì, penso che un futuro dignitoso questa città ce lo abbia ancora, nonostante le lamentele eterne di quelli che, pessimisti a tutti i costi, la descrivono come una malata terminale.

Pages